Passa ai contenuti principali

Stanchezza e felicità: festa del papà e zuccotto gelato

Stanchissima è dire poco..
Ieri giornata faticosa..
Tema: festa a sorpresa per il mio papà.. 

Io sola contro padelle, teglie, pentole e stampi a preparare la cena a buffet per la festa a sorpresa del mio papino che compiva 60 anni!
Ma ce l'ho fatta, tutto perfetto e nei tempi giusti.. Che soddisfazione!!
Auguri papà!! 

Credo che certi dolci diventino i nostri dolci del cuore per l'affetto che mettiamo nel farli, per il ricordo e anzi, spesso i ricordi, a esso associati.. E diventano i dolci della nostra vita, i nostri cavalli di battaglia, perché nel tempo si perfezionano e diventano parte di noi..

E per la festa del mio papà, con una ventina di giudici non potevo buttarmi che su un dolce certo, non semplice perché composto da svariati passaggi e tempi di attesa.. Ma completamente mio, e perfezionato negli anni crescendo con me..

Lo zuccotto gelato è assieme a altri pochi dolci, il mio cavallo di battaglia per eccellenza.. Un guscio di cioccolato nasconde al suo interno la cremosità del gelato fatto in casa.. quello genuino e buono, che si scioglie in bocca regalandoci il paradiso in un secondo!

Questa versione prevedeva al suo interno 2 tipi di gelato: after eight e crema.. 
Adoro la crema nella sua semplicità, adoro la freschezza dell'aftereight...

Ingredienti per il gelato alla crema:
200 ml panna 
300 ml latte intero
3 tuorli d'uovo
100 gr zucchero

Ingredienti per il gelato all'after eight(trovata sul sito cookaround qualche anno fa e mai abbandonata):
250 ml. di panna
250 ml. di latte
100 ml. di sciroppo di menta
70 gr. di zucchero
50 gr. di cioccolato spezzettato fondente/latte

Ingredienti per la copertura al cioccolato fondente:
350 gr cioccolato fondente
200 ml panna 

Per foderare lo zuccotto:
pan di spagna,
pandoro(quello che ho usato io in questo caso)/panettone
savoiardi o caporali.

Preparazione gelato:
 Il procedimento per la preparazione del gelato è molto semplice, mescolare a freddo tutti gli ingredienti (escluso il cioccolato che viene aggiunto quasi alla fine); porre nella gelatiera e lasciare solidificare (ci vorrà circa mezz'ora).
Nel caso del gelato l'aftereight aggiungere il cioccolato a 10 minuti dalla fine.
 Esecuzione ed assemblaggio:
Foderare lo stampo con il pandoro e bagnarlo con un po' di latte zuccherato.
Riempirlo fino a metà, coprire con uno strato di pandoro e riempire con il secondo gusto.
Terminare con altro pandoro.
Lasciare riposare 5 ore in frezeer, dopodiché sformarlo;
Preparare la copertura facendo sciogliere a bagnomaria il cioccolato ed aggiungerdo, una volta tolto dal fuoco, la panna girando energicamente con una frusta;
ricoprire l'intero zuccotto con la tecnica che più vi piace, io ho cercato di renderlo goffré.

Ecco il risultato finale.. Sono molto soddisfatta.. 
Forse prepararlo in occasione di una festa così speciale mi ha dato quel tocco in più.
 
Tanti auguri papà, sei il mio primo amore, ti adoro e ti voglio un bene infinito. 
La, sempre tua, piccola bimba di casa.

 

Ed un tuffo all'interno




Con questa ricetta partecipo al contest I dolci del cuore di Dolci a go go

http://www.dolciagogo.it/2014/02/i-dolci-del-cuoreun-nuovo-e-imperdibile.html 



http://cucinascacciapensieri.blogspot.it/2014/02/contest-il-mio-piatto-forte.html 



http://coccoledidolcezza.blogspot.it/2014/02/semisfere-al-gianduia-fondente-e-gelee.html 

Commenti

  1. Grazie, grazie di cuore per questa bellissima e dolcissima ricetta, sono molto felice che hai deciso di partecipare al mio contest con questo dolce, io non sono abilissima a fare lo zuccotto e di certo da te posso imparare tante cose! Un abbraccio, maddy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!
      Sono felice che ti abbia colpita! :)

      Un abbraccio

      Elimina
  2. Bravissima ! Un signor zuccotto che interpreta splendidamente il tema del contest. Inserisco subito e...ti aspetto con altre due ricette !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono tanto contenta che ti piaccia!
      Si, spero di arrivare con nuove ricettine!!
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Caspita deve essere una bontà. Io non l'ho mai fatto. Gnam il gelato fatto in casa. Aspetto che faccia un po' più caldo e poi proverò.
    giardiniepasticcini

    RispondiElimina
    Risposte
    1. É solo un po' laborioso per i tempi di attesa, ma è una grande soddisfazione...
      Si il gelato in questi giorni non è proprio stagionale, ma a casa mia ci sono sempre mille gradi quindi è sempre estate!! ihihihih

      Scherzi a parte, sono contenta ti piaccia, è un fine pasto alternativo alla classica coppa di gelato!
      :)

      un abbraccio

      Elimina
  4. Caspita deve essere una bontà. Io non l'ho mai fatto. Gnam il gelato fatto in casa. Aspetto che faccia un po' più caldo e poi proverò.
    giardiniepasticcini

    RispondiElimina
  5. Ma che bella ricetta complimenti !!!!
    Si vede ch eè fatta con amore !!!!!!!!
    Ti mando anche i link ai miei Blog se ti fa piacere vederli !
    E se hai voglia di iscriverti tra le mie lettrici !!!! Mi fa piacere !!!
    http://foodwineculture.blogspot.it/
    e questo di Ricette dei Bimbi
    http://aboutcookingandmore.blogspot.it/
    Ciao e complimenti ancora !!!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Gateau di patate con colatura di alici e la "sua" semifinale!

Eh si, la sua semifinale. Perchè io non ci sono potuta essere, perchè io ho atteso il responso da km di distanza.. Ma la mia sorellina è tornata trionfatrice. Il 16 Giugno si è svolta presso la Chef Academy di Terni la semifinale di Risate e Risotti.

Io e Marta partecipiamo a questo contest da anni, inizialmente non classificate e poi, a partire da 3 anni fa, ci sfidiamo colpi di riso e padella sul tema dei risotti. L'organizzatore, Luca, ormai è un grande amico e il suo format funziona alla grande, unendo il duplice significato della parola riso: un primo piatto delizioso e uno splendido verbo che dona felicità. Marta in questo è nel suo, credo potrebbe far risotti ogni giorno e ha sempre un magnifico sorriso stampato sulle labbra. Così, quando è arrivata la notizia della semifinale e io ho appreso di non poterci essere, ero comunque tranquilla. Quella agitata era lei. Soprattutto quando ha aperto la mistery box: camomilla, gelatina in fogli, purea e polvere di lamponi, uovo e zenzero. Ing…