Passa ai contenuti principali

Autunno e gli gnocchi di zucca gratinati al castelmagno

Con l'arrivo dall'autunno la voglia di riaccendere il forno, non solo per sfornare dolci, iniziare a farsi sentire..
Arrivati a casa stanchi dal lavoro o semplicemente per la voglia di una coccola a tuttotondo, si spolverano pirofile per paste al forno, per timballi e paste gratinate..

Noi ieri sera ci siamo concesse un grande piatto:Gnocchi di zucca e patate gratinati al forno con besciamella al castelmagno, granella di noci croccante e pepe nero.
 È un primo piatto di quelli che io amo di più.. Dai gusti pieni, ma delicati, non invasivi pur restando persistenti in bocca anche dopo aver terminato il piatto.
E con questo piatto dò il benvenuto all'autunno, con le sue foglie dalle sfumature calde, con i ricci caduti e i funghi che fanno capolino nei boschi di castagni e faggi.

Ingredienti :
Per gli gnocchi di zucca:
700gr zucca 
250/300gr farina 
1 uovo
75gr di parmigiano
Noce moscata, sale e pepe q.b.
Per gli gnocchi di patate:
500gr patate 
200gr farina
Sale e noce moscata q.b.
Per la besciamella al castelmagno:
500ml latte 
50gr burro 
50gr farina
80gr castelmagno grattugiato

In più:
50 gr burro
70gr castelmagno
Una manciata di granella di noci 
Pepe nero macinato

Esecuzione: 
Innanzitutto preparare le due tipologie di gnocchi: bollire le patate fino a cottura e cuocere la zucca in forno, dopo averla tagliata a fette, in forno per mezz'oretta a 180°.
Per gli gnocchi di patate: schiacciare le patate con lo schiacciapatate, aggiungere sale e noce moscata e impastare con la farina(deve risultare un impasto compatto e non appiccicoso, eventualmente aggiungere altra farina).
Per gli gnocchi di zucca: frullare la zucca, impastare con tutti gli altri ingredienti evitando di abbondare con la farina poiché durante la bollitura si rassoderanno.
Formare i due tipi di gnocchi creando dei cordoncini e tagliandoli dello spessore di un dito, rigirarli sui rebbi di una forchetta.
Preparare la besciamella prepararando il roux con burro e farina, dopodiché aggiungere il latte caldo e cuocere per una decina di minuti.
Aggiungere il castelmagno e cuocere altri due minuti per permettere al formaggio di sciogliersi.
Saltare in una padella priva di olio la granella.

Bollire gli gnocchi, condirli con il burro, mescolarli alla besciamella e porli in una pirofila adatta alla cottura in forno.  
Cospargere la superficie con il castelmagno, la granella di noci e il pepe nero.
 Cuocere in forno statico + grill per qualche minuto, fino a che sopra non si formi una piccola crosticina dorata.
Sfornare e disporre nei singoli piatti.











www.iltartufobianco.it

e al contest Ricette d'Autunno

Contest Ricette d’Autunno

Commenti

  1. Ho l'acquolina di prima mattina e non mi sembra poi così normale, ma non potrei mai rinunciare ad un piatto di gnocchi gratinati così invitante! Grazie mille per la bella ricetta, ricordati di inviarla anche tramite mail, altrimenti non verrà inserita in gara! un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh sono contenta di averti fatto venire l'acquolina già alle nove del mattino!! ;)
      Io adoro gli gnocchi in tutti modi, ma al forno hanno una marcia in più! ;)
      Bellissimo contest!
      Grazie di avermelo fatto scoprire!!
      Smack

      Elimina
  2. Che piatto strepitoso, ricco, saporito, deciso, succulento, bello bello, prima o poi lo faccio! a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie cara! Se lo provi fammi sapere se ti é piaciuto!
      Un abbraccio

      Elimina
  3. Fantastici!!!!! Sbavvvvv, un inizio settimana strepitoso, complimenti! <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…