Passa ai contenuti principali

Crackers lievito/ pasta madre

La pasta madre...
Se ne sente parlare tanto in questo periodo, sia perché le famiglie hanno ripreso la tradizione del pane fatto in casa, sia perchè in questo periodo, con panettoni e pandori, si cita spesso il lievito madre al posto del classico e più conosciuto lievito di birra...

Il mio lievito madre ha un anno e mezzo, nato dalla fermentazione della nostra birra home made... 
Certamente avere un lievito madre comporta molto impegno e passione nella sua cura (io quest'estate la mia "pasty madry" me la sono portata in vacanza perchè non avevo nessuno a cui lasciarla! :) ), però al tempo stesso porta grandi soddisfazioni.. il pane ed i lievitati in genere hanno un gusto e un profumo completamente diverso...
O la si ama o la si odia....!! e io la amo alla follia...

 La ricetta che vi propongo oggi è proprio quella che utilizzo quando, impossibilitata a utilizzare la pasta madre per lunghi lievitati, decido di creare qualcosa di veloce e sfizioso, da gustare come sostituto del pane durante il pasto, o come croccante merenda nel pomeriggio!
La ricetta l'ho trovata sul sito di Fable de Sucre, sito davvero carino al quale attingo molto volentieri!
Dalla ricetta originale ho unicamente aumentato la dose di olio, per renderli più friabili, regolando l'acqua di conseguenza. 

Crackers con lievito madre (esuberi e avanzi di rinfreschi)
 
Ingredienti:

420 gr di Pasta madre non rinfrescata
210 gr di Farina 0

80 gr di Olio EVO
15 gr di Sale 

Acqua q.b.
Esecuzione:
 Sciogliere la pasta madre in poca acqua tiepida, aggiungere olio, farina e sale. 

In più io aggiungo sempre un cucchiaino di bicarbonato, nella ricetta originale dice di farlo solo se gli esuberi sono molto vecchi, ma io per togliere comunque quella punta di acidità lo inserisco puntualmente nella ricetta.
 Impastare il tutto fino a raggiungere un impasto omogeneo e liscio (aggiungere altra acqua per impastare al meglio).
Dividere l'impasto in parti uguali per aromatizzarlo come più vi piace; questi crackers non necessitano di ore di riposo, è possibile stendere subito l'impasto, tagliarlo a piccole losanghe ed infornare i crackers così creati direttamente, dopo averli disposti su una teglia (non occorre nè carta forno nè olio, si staccheranno da soli!), a 200 °C finchè non diventano dorati (circa 15 minuti).
Ed ecco il risultato, io personalmente questa volta li ho aromatizzati con sesamo, pomodoro concentrato e origano, olive, mentre alcuni li ho salati in superficie:







Commenti

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La Sicilia nel cuore.. e nel piatto: Pasta con tonno, datterini e pesto di pistacchi

La Sicilia, terra dei miei nonni materni, io non l'avevo mai vista. E cosa mi ero persa. Terra di storia, quella antica. Di templi, cattedrali e monumenti. Terra di sapiente cultura culinaria, un mix di etnie, che si sono susseguite, lasciando la loro traccia nei piatti che raccontano quest'isola.
E io non potevo che innamorarmene. Degli usi e costumi, radicati della quotidianità delle persone. Degli accenti e cadenze nel parlare, che a me sono suonati così familiari. Dei modi, che ti fanno sentire come se fossi a casa. Delle storie che ti racconta la gente del luogo, che in quei luoghi ci ha vissuto, lavorato.
Ho imparato in questa vacanza, non ho solo viaggiato. Sono rimasta affascinata dai racconti e ne ho fatto tesoro.
Ho cercato in questa ricetta di riassumere quello che mi è rimasto più nel cuore di questo viaggio:  la tonnara della splendida isola di Favignana, raccontata dal cuore innamorato di un suo lavoratore, Zio Peppe. le saline di Trapani, dove, abbagliati dal sole, si capisc…

Di ritorno dalle vacanze con una ricetta tutta ligure: Pansoti in salsa di noci

Le vacanze sono finite, trascorse, terminate. Adoro viaggiare, scoprire nuovi angoli di bellezza, rimanere abbagliata dalla cultura dei luoghi e delle persone. Ma adoro anche tornare, rivedere i miei angoli di paradiso, rispolverare le mie, di tradizioni, questa volta... Magari con un pizzico di innovazione.
E così nascono questi pansoti, tipica ricetta della mia terra e pilastro saldo della mia cucina. Li ho già fatti molte volte, ma questi rappresentano la versione più povera, priva di ricotta con unicamente tante verdure di campo nel ripieno.

Per dare un tocco di innovazione ho inserito pezzettini di foglie di maggiorana nella sfoglia.


Ingredienti: Per la pasta: 400 gr farina 2 uova foglioline di maggiorana acqua q.b. Per il ripieno: 1 kg preboggion(erbe di campo miste) 1 spicchio di aglio parmigiano reggiano q.b. maggiorana noce moscata Per la salsa di noci: 200 gr noci 50 gr pinoli 4 foglie di prezzemolo maggiorana 1 spicchio di aglio mollica di un panino ammollata nel latte
Esecuzione: Impastare tutti gl…