Passa ai contenuti principali

Gnocchi di farina di castagne al pesto

Nel weekend, complice la maggior disponibilità di tempo e la presenza di tutti a casa, cerco sempre di dedicarmi a piatti più "laboriosi", piatti a lenta preparazione, magari con un impasto di mezzo..
Piatti che appena li vedi, non solo nel piatto, ma anche in fase di preparazione, ti senti già bene.. 
Per noi però, comfort food non vuoi dire per forza dolce, zucchero e cioccolato, anche perché nei dolci noi siamo complicati.. A chi non piace il cioccolato, chi odia le torte banali, chi non può vedere la marmellata, chi non sopporta le torte troppo ricche di creme o di liquore... 
Spesso il piatto che mette tutti d'accordo qui a casa, é un primo piatto.. 
In particolare gli gnocchi..
E se dico gnocchi, qui in Liguria, non possono che essere al pesto.. No?
E se ci aggiungo la farina di castagne, che con il pesto si sposa a meraviglia..?

Gnocchi di farina di castagne al pesto:

Ingredienti:
1 Kg di patate a pasta bianca
200gr farina di castagne 
300 gr di farina 00 
(le farine possono aumentare, mantenendo le proporzioni in base a quanto umide sono le patate)
sale q.b.

Per il pesto:
(considerate che noi lo facciamo "ad occhio" ma proverò comunque a darvi le mie dosi!):
5 mazzetti di basilico
1 spicchio di aglio
50 gr di pinoli
100 gr di Parmigiano
 sale q.b.
olio extravergine di oliva

 Esecuzione:
Lessare le patate con la buccia in abbondante acqua salata;
  scolarle, sbucciarle e schiacciarle con lo schiacciapatate.

Salare ed impastare con il mix di farine fino a rendere l'impasto lavorabile.
Creare dei lunghi cordoncini e tagliarli a tocchetti di 1,5 cm.

passarli sui rebbi di una forchetta incavandoli.

 

Preparazione pesto:

Tritare pinoli e aglio finemente, aggiungere il basilico, il sale, il formaggio e l'olio fino a raggiungere trito non troppo fine.

Aggiungere eventualmente ancora un pizzico di sale e una punta d'olio.


Sbollentare gli gnocchi in abbondante acqua salata,scolare gli gnocchi e condirli con il pesto.








Con questa ricetta partecipo a Cucina che ti passa - Il Contest 
Immagine

Commenti

  1. Ma sono deliziosi... buonissimi li mangerei ora....
    buon pomeriggio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh possono essere una sostanziosa merenda, no? ;)
      Grazie cara!
      Baci!

      Elimina
  2. mamma che bontà cara! E' una vita che non faccio gli gnocchi alle castagne... bacioni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io era un sacco che non li preparavo.. Ma con l'arrivo della stagione fredda la farina di castagne nell pasta fresca mi piace proprio.. Con il pesto poi secondo me ci sta a meraviglia!
      ;)
      Baci!!

      Elimina
  3. Chissà che buon saporino devono avere..
    grazie della ricetta e anche di essere passata da me.
    baci e buon inizio settimana.
    Inco

    RispondiElimina
  4. Gnocchi. Per me sono la cosa più buona che ci sia. Mi piacciono in tutti o modi e con qualsiasi impasto. Questi con patate e farina di castagne sono mitici. Anch'io li faccio senza uovo quando uso le patate. Alla ligure. ;-)
    Ciao e a presto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche noi li adoriamo.. Sono buoni in tutti i modi, con una consistenza che io amo!
      Un abbraccio!

      Elimina
  5. non li ho mai preparati con la farina di castagne, però tu mi hai ispirata, proverò! Un abbraccio SILVIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cia cara!
      Vedrai che non ti deluderanno, la farina di castagne non é troppo invasiva e dona quel gusto in più!
      Un abbraccio

      Elimina
  6. Strepitoso piatto..adoro gli abbinamenti, i colori ed i profumi..mi hai davvero conquistata :-)
    Buon inizio settimana <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che tenera! Un piatto per uno, che dici?! ^_^
      Buon inizio settimana anche a te carissima!
      Smack

      Elimina
  7. Ma quindi quello è il pesto di cui si parlava quella sera a cena? Ma lo sai che non l'ho mai assaggiato? L'ho sempre preparato in casa, con tanto di pestello, ma tu mi insegni che il basilico che si trova qui a Roma è differenterrimo :) da quello che avete voi, vero??? Vero?? E adesso come faccio a restare con questa curiosità di assaggiarlo??? Io ti abbraccio, forte, diventi ogni giorno più brava. Tanti baci per tutti, A.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro mio!
      Si, sono proprio loro, con quel gusto che solo il basilico di qui possiede..
      E come fare ad assaggiarli? Ci rivedremo, io lo so.. E ti preparerò questi fantastici gnocchi al pesto! ;)
      Ti abbraccio e ti bacio mia cara amica! Smack

      Elimina
  8. Che poi lo vedi, sto peggiorando....solo ora faccio caso al nuovo design del blog....scusami! Sono una rimbambita ;) comunque mi piace tanto!!! Ti bacio dolce amica....p.s. Non a caso la mia migliore amica mi chiama svampi (da svampita)...Ale

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah, tesoro, no problem! sono contenta che ti piaccia! Ho dato al blog un pochino una rinfrescata, aveva dei colori troppo abbahglianti prima, ma mi piaceva tanto all'inizio! Ihihihih
      Bacettini!
      Smack

      Elimina
  9. Da buona amante degli gnocchi non ho mai provato questo mix di patate e farina di castagne.. mi ispirano un sacco!!! Chissà che bonta.. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara!
      Provali, é mix fantastico!
      Un abbraccio!

      Elimina
  10. Ma gnam!! eh hai ragione, il confort food non è solo dolce!
    Grazie per la ricetta!

    RispondiElimina
  11. Congratulazioni, la tua è una delle ricette vincitrici del contest!
    Passa qui per leggere tutto ^^
    http://blog.giallozafferano.it/cucinachetipassaoriginal/vincitori-del-contest/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie carissima!!!!
      Che bella notizia che mi hai dato!!!
      Sono contentissima, corro da te!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…