Passa ai contenuti principali

Torta Delizia, una torta laboriosa sì, ma esteticamente superlativa!

Piove, tanto, troppo..
In modo incessante, in modo instancabile..
Per me, eterna meteoropatica, serve una ricetta che mi tenga impegnata, che non mi permetta di guardare fuori e accorgermi di questo cielo buio e grigio.. 
Che non ti fa conoscere più il posto dove stai..

Oggi la colonna sonora di questa giornata non può che essere questa: "Le Nuvole" di Fabrizio de André.
La voce di questo cantautore ha sempre accompagnato la mia infanzia, autore delle canzoni preferite di papà era sempre presente nelle nostre giornate, in casa, in macchina, ovunque fosse disponibile un lettore cassette(eh si, quando ero piccola io c'erano le cassette...) o CD..
A casa però avevamo ed abbiamo ancora, anche un giradischi.. 
Di quelli belli, "storici", con la puntina per leggere la traccia.. 
E quei dischi giganti mi sono sempre piaciuti.. Delicati, preziosi, nelle mie mani incerte di bambina..
E "Le nuvole" era il vinile scelto da me ogniqualvolta papà mi chiedesse:"Cosa mettiamo?"  
Mi immagino, piccola, mentre ascoltandola con lui dico:"Vangano, vengono..." e il mio amore per quel disco, più bello rispetto agli altri e da me preferito unicamente perché in copertina aveva l'immagine delle nuvole che cambiava colore in base a come io inclinavo la custodia in cartoncino nero..


Torta Delizia:
Ingredienti:
Per il pan di spagna(stampo da 22/24 cm):
3 uova intere

120 gr di zucchero semolato

120 gr di farina 00
Per l'impasto alle mandorle:
350 gr farina di mandorle
300 gr zucchero
2 uova
25 ml maraschino 
25 ml rum 
aroma di mandorla (una fialetta) 
 Per la bagna:
200 ml di acqua
50 ml maraschino
50 ml rum
100 gr zucchero
In più:
Marmellata di albicocche e/0 gelatina da copertura
 


Esecuzione: 
Per il pan di spagna:

Montare le uova con lo zucchero fino a che il composto non diventi chiaro e spumoso; aggiungere la farina setacciata mescolando dal basso verso l'alto.

Infornare a 180 per 30/35 minuti, sfornare e avvolgere in una strofinaccio fino al completo raffreddamento per mantenere l'umidità all'interno del pan di spagna.
 Eliminare il bordo scuro del pan di spagna e divide in due il disco ottenuto.
Per la copertura e crema:
Mescolare tutti gli ingredienti ottenendo un impasto solido.
Aggiungere il maraschino e il rum.
Per la crema prelevare un quarto dell'impasto alla mandorla ed aggiungervi altro rum e maraschino in parti uguali, fino ad ottenere un impasto più morbido, ma più denso di una classica crema pasticcera.
Per la bagna:
Unire insieme tutti i liquidi e sciogliervi, mescolando, lo zucchero.
Assemblaggio:
Bagnare con tutta la bagna entrambi i dischi di pan di spagna.
Posizionarne uno al centro di uno stampo di due dita più grande, farcirlo con la crema e ricoprire quest'ultima con l'altro disco di pan di spagna.
Spennellare tutta la torta con marmellata di albicocche.
  Riempire un sac à poche con il restante impasto di mandorla tenuto da parte (se troppo duro ammorbidirlo con altro maraschino, evitando di eccedere poiché l'imapsto dovrà "reggere" al riposos e successiva cottura) e ricoprire la sommità della torta mediante la tecnica a "canestro": 
Utilizzare una bocchetta piatta e zigrinata e partire con una lunga striscia verticale a lato torta, poi si realizzano tante strisce piccole orizzontali alternate (una striscia e poi si lascia uno spazio vuoto); successivamente si fa un'altra striscia lunga verticale e altre strisce piccole orizzontali, questa volta riempiendo i buchi precedentemente lasciati vuoti.
Si continua questa alternanza fino al termine di tutta la superficie.
I lati della torta vengono invece ricoperti con la stessa farcitura ma utilizzando una bocchetta a stella.
Lasciare riposare la torta per dieci ore, dopodiché infornare a 200/225° per 5/10 minuti facendo dorare la copertura.
A cottura ultimata spennellare con marmellata di albicocche o gelatina trasparente.


 





Con questa ricetta partecipo al contest di In Mou Veritas: "Stesso posto, Stessa ora!" poiché penso che questa torta, così elaborata nella preparazione ma soprattutto nella decorazione, sia splendida da portare a casa di amici, per lasciarli a bocca aperta e per mangiarla nel pomeriggio accompagnata da un ottimo té!

http://inmouveritas.blogspot.it/2014/10/stesso-posto-stessa-ora-nuovo-contest.html

Commenti

  1. sono venuta a cercare i canestrelli...e che capolavoro trovo? O_O che pazienza, ma chissà che bontà davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh tesoro! Che bello averti qui...! I canestrelli sono di qualche giorno fa.. Nel frattempo mi sono cimentata in altre "delizie"! ;)
      Grazie tesoro!
      Un abbraccio!

      Elimina
  2. Bianca è meravigliosa! Come sei brava...te ne rubo una bella fetta e con la bocca piena ti abbraccio forte...bacio a tutti :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tesoro, ma grazie!!! È sempre bello averti qui..!
      Un abbraccio e un bacionissimo!!

      Elimina
  3. Tesoro è bellissima..lascia senza parole..complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro!! Tanta fatica.. Ma una grande soddisfazione!! ;D
      Smack

      Elimina
  4. Buongiorno cara :) che bello arrivare qui da te! Hai un blog delizioso...e questa torta è fantastica...sei davvero bravissima!!! Alta pasticceria...ammiro sempre queste creazioni...hai delle mani d'oro :)
    Ti abbraccio e tanto piacere!!
    Ila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello averti qui!!
      Grazie tesoro per tutti questi complimenti..!! Sei gentilissima!!
      Ti abbraccio!

      Elimina
  5. WOW, laboriosissima per me, ma vedo un risultato fantastico

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie cara!! È stato il primo esperimento di decorazione a canestro...! Laboriosa sí, ma alla fine il risultato ha ripagato la fatica!! ;)
      Smack

      Elimina
  6. E' davvero bella e buonissima, una delle mie torte preferite in assoluto. Ci vuole tanta pazienza e precisione ma poi vedi che cosa meravigliosa hai fatto? Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie tesoro.. Sentirmi dire da te che sono stata bravissima nella realizzazione di un dolce mi fa gongolare! ;)
      Un abbracciotto!

      Elimina
  7. Che spettacolo!!! brava brava brava!

    RispondiElimina
  8. Wow che lavorone. Bravissima e che supertorta!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Gnocchi di polenta con porri e speck gratinati al forno

Con queste giornate, all'insegna della pioggia e del freddo, la voglia di mettere il naso fuori di casa e' davvero poca, mentre quella di cucinare e soprattutto infornare è davvero tanta. Il ticchettio della pioggia scandisce i minuti e io, sempre presa dalla frenesia, riesco a rallentare. I gnocchi sono sempre stati un piatto classico della mia famiglia, quelli di patate con il pesto erano un must del weekend. Oggi, per la giornata nazionale degli gnocchi, propongo invece degli gnocchi inusuali, che strizzano l'occhio al riciclo e a ricette differenti. Io non amo la polenta. Quando in inverno tutti si esaltano di fronte a quella lava ustionante al mais, io mi stringo facendo spallucce e ripiego su una copertura infinita di sugo per coprire di gusto questa "farina" che non mi ha mai soddisfatta. Poi la ho riscoperta "riciclata", impastata con farina e uova per dargli nuova forma e gustarla come piace a me! Se, dopo averli prepa

Pollo thai con riso basmati e verdure

Ho sempre pensato che la cucina italiana avesse una marcia in più rispetto a tutte le altre. Anni e anni di tradizioni culinarie, studi e tecniche per creare un patrimonio che in molti ci invidiano. Libri antichissimi narrano già di tecniche che ora utilizziamo come innovative. Nonostante questa radicata convinzione però, da più grandicella ho scoperto cucine estere, esotiche e speziate e le ho adorate. Gusti nuovi, aromi e profumi di paesi lontani... Tradizioni, anche quelle, totalmente differenti dalle nostre. Abbinamenti e accostamenti diversi, ma ugualmente validi e studiati. E così, se in quei paesi ancora non sono realmente stata, in cucina posso viaggiare, pur restando nelle pareti di casa. Posso sbarcare in India, o volare in Giappone o in Cina. Ingredienti: 200 gr riso basmati un petto di pollo due cipollotti un broccolo due carote due zucchine un bicchiere di latte di soia salsa di soia prezzemolo zenzero buccia di lime peperoncino olio  sale e p

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma... Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero.  Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori. La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice. Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mel