Passa ai contenuti principali

Risotto mazzafegati e castagne, per ricordare il mio viaggio in Umbria.

I mazzafegati sono un insaccato, fresco o stagionato, tipico della valle tiberina.

Nel mio soggiorno a Città di Castello ho potuto curiosare nei negozietti, girovagare tra le vie, osservare le bancarelle dei prodotti tipici ed ammirare le bellezze monumentali, come il Duomo.

A Gubbio ho visto gli sbandieratori con i loro costumi multicolore lanciare con maestria le loro bandiere, al ritmo di tamburi e trombe. 
Mi sono "arrampicata" fino al Duomo, chiedendomi come fosse possibile, durante la festa dei ceri, portare, di corsa, quelle gigantesche statue fino alla Basilica di Sant'Ubaldo.
Ho ammirato il monte Ingino, dove tra poco verrà acceso il bellissimo e gigantesco albero di Natale.

E sono tornata infine a casa, carica di prodotti locali, perché usanza vuole che si portino a casa più prodotti culinari che "oggettistica" varia (anche se lo ammetto, al 2 di Novembre io avevo già in saccoccia una nuova pallina per l'albero di Natale acquistata a Gubbio).
E tra bottiglie di vino, miele, zucche, tartufi e mele avevo anche loro: i mazzafegati, naturalmente sia in versione fresca che stagionata.
Quest'ultima é molto simile ad un salamino, dove l'aroma dominante é il finocchio, mentre la versione fresca é molto simile ad una salsiccia molto aromatizzata e saporita.

E noi, così saporito e pieno di sapori, abbiamo fatto sposare il mazzafegato con la castagna, dolce e morbida, in un risotto tutto autunnale.

Risotto mazzafegati e castagne:
500 gr riso
3 mazzafegati freschi
una quindicina di castagne precotte (lessate e pulite)
1 cipolla
Marsala
brodo di carne 
burro
olio extravergine di oliva
Parmigiano Reggiano

Esecuzione:
In una piccola padella mettere un fiocchetto di burro, aggiungere le castagne e dopo averle fatte caramellare sfumare con il Marsala.
A parte, iniziare a preparare il risotto soffriggendo la cipolla tritata in una casseruola con abbondante burro e olio; aggiungere i mazzafegati privati del budello e ridurli a piccoli pezzi.
Aggiungere il riso, farlo tostare e sfumare con il vino.
Portare a cottura il riso a a pochi minuti dalla fine unire le castagne, sbriciolandole grossolanamente.
Terminare la cottura e mantecare con burro e Parmigiano Reggiano.




Commenti

  1. Si possono omettere i mazzafegati? rovinerei la ricetta vero??? UFFA!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahahah...! puoi sostituirli con salsiccia classica, non sono molto differenti poi.. Pur chiamandosi mazzafegati non hanno interiora o fegati vari all'interno! ;) nome fuorviante! :)
      Smack

      Elimina
  2. Con questo piatto mi hai conquistata, ti seguo con molto piacere! A presto, Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie cara! Felice di averti qui! ;)
      Un abbraccio

      Elimina
  3. della val tiberina ho un ricordo molto bello, in un periodo molto felice della mia vita, quindi questo risotto mi scatena emozioni positive.
    poi con questi sapori.... in realtà la cosa più sollecitata è una vergognosa salivazione!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Beh sono contenta di aver incontrato i tuoi gusti allora! Un risottino che merita, a noi è piaciuto tanto.. Un po' diverso dal solito!
      Io della valle tiberina mi sono innamorata.. L'Umbria.. Splendida!
      Grazie cara e buon weekend!

      Elimina
  4. Ciao dolcezza :) ma quanto può essere buono questo risotto??!!! Meraviglioso mix d'ingredienti...davvero buonissimo...poi io adoro il riso in tutte le sue vesti...questa ricetta scivola tra i miei preferiti...un grande bacio tesoro!!
    Ila

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahah! Siamo uguali anche questo, il riso! Se guardi nelle ricette metà dei primi piatti sono a base di riso... Ihihih
      Questa ricettina merita, l'abbinamento ci ha piacevolmente colpiti! ;)
      Un abbraccio! Smack

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…