Passa ai contenuti principali

Muffin ai "ciliegi malati" per il 43° MTChallenge

Una ricetta di muffin a sorella.
Anche se la "scrittrice" sono io e lei é la "fotografa", per questa sfida mensile abbiamo deciso di creare un muffin a sorella.
I primi creati, sicuramente, anzi, "siculamente", rispecchiavamo molto di più me, ricchi di cioccolata in tutte le sue forme e associati ad un'isola "estiva", se così la possiamo definire..

Questi invece che vi proponiamo oggi, sono certamente i muffin di mia sorella, ispirati ad un testo, che ricordo ancora scorrere, come ultima slide, alla sua tesi di laurea.
 Il testo, che aveva come sfondo un bellissimo ciliegio in fiore, era quello di una famosa canzone di De André, Un Medico, canzone facente parte dell'album Non al denaro non all'amore né al cielo, ispirato dal libro Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters. La storia narra di come il protagonista da bambino desiderasse guarire i ciliegi, quando, passando dal fiore di colore bianco candido, essi si caricavano di rossi frutti, da lui interpretati come sintomo di malattia.
Il bambino giura quindi di voler diventare dottore, per poter guarire finalmente i suoi alberi..

Ed in particolare questo pezzo iniziale rispecchia a pieno mia sorella: fin da piccolissima lei ha sempre avuto chiaro in testa cosa avrebbe fatto da grande, certa che sarebbe diventata dottore.
E ora quando scherzo con lei sul fatto che sia dottoressa in realtà nascondo una grande stima e orgoglio per ciò che lei é diventata ed in fondo é sempre stata.. 

..Da bambino volevo guarire i ciliegi
quando rossi di frutti li credevo feriti
la salute per me li aveva lasciati
coi fiori di neve che avevan perduti.

Un sogno, fu un sogno ma non durò poco
per questo giurai che avrei fatto il dottore
e non per un dio ma nemmeno per gioco:
perché i ciliegi tornassero in fiore,
perché i ciliegi tornassero in fiore.. 
(Un medico,Fabrizio de André)

Ed ecco la nostra interpretazione di muffin ispirati a questo testo: certamente presente doveva essere la ciliegia, in questo periodo però candita; la farina di grano saraceno, mescolata in parti uguali alla farina di grano tenero per rendere il colore del tronco dell'albero; lo streusel per dare l'idea delle foglia in cima ai rami ed infine la marmellata di ciliegie per interpretare la visione del ciliegi feriti. 


Ingredienti (10 muffin):
Per l'impasto base:
150gr farina 00
150gr farina grano saraceno
100 gr zucchero
50 gr olio di arachide
1/2 bustina di lievito per dolci
1/2 cucchiaino di bicarbonato
100 gr ciliegie candite a cubetti
1 cucchiaino di marmellata di ciliegia per muffin
2 uova
125gr yogurt alla ciligia
100gr latte
Per lo streusel:
75 gr amaretti
50 gr burro
50 gr farina

Esecuzione:
Mescolare in due boule differenti le parti liquide (uova, olio, yogurt, latte) e le parti solide (ciligie, farine, zucchero, agenti lievitanti); versare le parti liquide in quelle solide e mescolare grossolanamente, non preoccupatevi dei grumi!
 Preparare lo streusel impastando tutti gli ingredienti con le mani e tenere da parte.
Foderare gli stampini con pirottini adatti alla cottura in forno, versare in ciascuno di essi l'impasto, aggiungere un cucchiaino di marmellata di ciliegie e coprire con un po' di streusel.
Infornare a 180° per 20/30 minuti, verificando la cottura con uno stecchino.







Commenti

  1. Siete dolcissime :-) questo legame profondo e sincero che vi unisce è splendido..non trascuratelo mai ^_^
    Muffins golosissimi, complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che carina! E' vero, pur avendo qualche anno di differenza siamo legate come la colla! ^_^
      Smack smack!

      Elimina
  2. Finalmente trovo il tempo di venire a trovare queste due sorelline meravigliose... Sapete fare delle cose pazzesche, zia Consu ha perfettamente ragione. Continuate a serbare questo vostro affiatato, simbiotico legame. Baci
    Lore
    de L'Angolo delle Ghiottonerie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bello averti qui cara!! Grazie per le belle parole e i complimenti.. Gongoliamo...! ;)

      Elimina
  3. Mi avete proprio emozionata. Il rapporto fraterno che vi lega è qualcosa di meraviglioso e non sempre così scontato come si potrebbe pensare. Il destino vi ha fatto sorelle ma è un legame che va comunque nutrito e accudito ogni giorno. Se vogliamo fare un'analogia col testo della canzone di De Andrè, proprio come un albero di ciliege, una pianta delicata che teme il freddo, che muta così repentinamente..
    Meravigliosi i vostri muffins, col cuore rosso e dolce delle ciliegie, con la farina di grano saraceno che adoro, con lo streusel che dona "carattere" e sapore extra.
    Bravissime a tutte e due..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie tesoro.. Ricevere questi complimenti per i nostri muffin ci riempie di gioia... E che splendide parole sul nostro rapporto, di cui io, lo ammetto, ne sono tanto fiera!! ;)
      Un abbraccio

      Elimina
  4. Che bella la vostra storia, dolce quanto i vostri bellissimi muffins :°)

    RispondiElimina
  5. Bellissima anche questa ricetta...e devono essere fantasticamente buoni! Bravissime! Vi abbraccio tanto <3, A.

    RispondiElimina
  6. Ottima questa ricetta! :) Grazie!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…