Passa ai contenuti principali

Strudel di mele.. una coccola tutta particolare

Altro frutto classico di questo periodo é certamente la mela: tonda, succosa e croccante incontra i gusti di tutti.

Se penso mela penso subito al Trentino, ai bellissimi frutteti che costeggiano le strade, con varietà di ogni tipo.

La più famosa é certamente la Golden Delicious, frutto dalla buccia gialla, croccante, profumata e zuccherina.
Ma le varietà sono davvero infinite.. 
Per citarne alcune non possiamo non ricordare la Fuji, di origine giapponese, risulta croccante e dall'aroma intenso.
La Stark, dal colore rosso intenso inconfondibile, a polpa fondente e succosa, dolce.
La Granny Smith, verdissima,croccante dolce ed acidula allo stesso tempo, si presta ad accompagnare antipasti ed insalate. 
La Renetta, ottima per essere cucinata, é la mela classica alla base di torte, crumble e strudel..

Ed é proprio con questa ultima mela e questa ricetta citata nel finale che voglio coccolarmi questa Domenica.
Non uno strudel classico, ma leggermente rivisitato.
Una ricetta che io e mia sorella avevamo addocchiato sul libro del suo robot da cucina ed era tra le ricette "to do".

Strudel di more e mele aromatizzato alla cannella e mandorle
Ingredienti:
Pasta sfoglia(la ricetta la trovate qui)
125 gr zucchero
100 gr burro 
150 gr more
750 gr mele Renette
50 gr mandorle tostate e tagliate grossolanamente
125 gr biscotti secchi tritati
1 cucchiaino di cannella

Esecuzione:
Tostare i biscotti nel burro tenendone un pochino da parte.
Pulire ed affettare le mele, aggiungervi le more, i biscotti, lo zucchero, la cannella e le mandorle.
Stendere la sfoglia a forma quadrata delle dimensioni di 60x60cm, disporla su un fazzoletto e ricoprirla con l'impasto di mele, lsciando un bordo intorno di 2 cm.
Arrotolare lo strudel su se stesso, aiutandosi con il fazzoletto e chiudere i lati per evitare che il ripieno fuoriesca in cottura.
Disporre lo strudel su una teglia imburrata.
Spennellare la superficie con burro fuso e cospargere quest'ultima con zucchero semolato.
Cuocere a 180° per 40 minuti.
Far raffreddare completamente ed impiattare.






Noi lo abbiamo lo abbiamo gustato con un té ai frutti di bosco e aloe..


Con questa ricetta partecipo al contest "Tuttomele" in collaborazione con UIR, UNIONE ITALIANA RISTORATORI E SAPORIE.
http://www.cavour.info/viewobj.asp?id=3996 
 

Commenti

  1. Golosissimo..non sai da quanto tempo non ne mangio uno fatto a regola d'arte..il tuo è strepitoso, magari potessi allungare una mano e rendere reale il virtuale...sono troppo golosa???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Golosissima...! Ma come si fa a non esserlo cara??? Grazie tesoro, te ne manderei volentieri una fetta!
      Smack

      Elimina
  2. Anch'io anch'io!!! Lo adoro... ma non lo faccio mai, brutta esperienza... posso assaggiare il tuo? E' perfetto!!! Bacioni e buon lunedì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo tesoro! Una fetta anche a te!! Come brutta esperienza?? Non é difficile! Prova la mia ricettina, ti sorprenderà...! e poi le more ci stanno proprio bene!! ;)
      Grazie per i complimenti cara!
      Ti abbraccio!
      Smack

      Elimina
  3. Mmmm..che delizia!!!! L'aggiunta delle more lo rende ancora più goloso!!!
    Deve essere buonissimo!!!
    Buona settimana! a presto..
    Bacio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara! Felice di leggerti nel mio angolino di ricette! ;)
      Le more danno quella nota in più, hai ragione!
      A presto!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…