Passa ai contenuti principali

Strudel di mele.. una coccola tutta particolare

Altro frutto classico di questo periodo é certamente la mela: tonda, succosa e croccante incontra i gusti di tutti.

Se penso mela penso subito al Trentino, ai bellissimi frutteti che costeggiano le strade, con varietà di ogni tipo.

La più famosa é certamente la Golden Delicious, frutto dalla buccia gialla, croccante, profumata e zuccherina.
Ma le varietà sono davvero infinite.. 
Per citarne alcune non possiamo non ricordare la Fuji, di origine giapponese, risulta croccante e dall'aroma intenso.
La Stark, dal colore rosso intenso inconfondibile, a polpa fondente e succosa, dolce.
La Granny Smith, verdissima,croccante dolce ed acidula allo stesso tempo, si presta ad accompagnare antipasti ed insalate. 
La Renetta, ottima per essere cucinata, é la mela classica alla base di torte, crumble e strudel..

Ed é proprio con questa ultima mela e questa ricetta citata nel finale che voglio coccolarmi questa Domenica.
Non uno strudel classico, ma leggermente rivisitato.
Una ricetta che io e mia sorella avevamo addocchiato sul libro del suo robot da cucina ed era tra le ricette "to do".

Strudel di more e mele aromatizzato alla cannella e mandorle
Ingredienti:
Pasta sfoglia(la ricetta la trovate qui)
125 gr zucchero
100 gr burro 
150 gr more
750 gr mele Renette
50 gr mandorle tostate e tagliate grossolanamente
125 gr biscotti secchi tritati
1 cucchiaino di cannella

Esecuzione:
Tostare i biscotti nel burro tenendone un pochino da parte.
Pulire ed affettare le mele, aggiungervi le more, i biscotti, lo zucchero, la cannella e le mandorle.
Stendere la sfoglia a forma quadrata delle dimensioni di 60x60cm, disporla su un fazzoletto e ricoprirla con l'impasto di mele, lsciando un bordo intorno di 2 cm.
Arrotolare lo strudel su se stesso, aiutandosi con il fazzoletto e chiudere i lati per evitare che il ripieno fuoriesca in cottura.
Disporre lo strudel su una teglia imburrata.
Spennellare la superficie con burro fuso e cospargere quest'ultima con zucchero semolato.
Cuocere a 180° per 40 minuti.
Far raffreddare completamente ed impiattare.






Noi lo abbiamo lo abbiamo gustato con un té ai frutti di bosco e aloe..


Con questa ricetta partecipo al contest "Tuttomele" in collaborazione con UIR, UNIONE ITALIANA RISTORATORI E SAPORIE.
http://www.cavour.info/viewobj.asp?id=3996 
 

Commenti

  1. Golosissimo..non sai da quanto tempo non ne mangio uno fatto a regola d'arte..il tuo è strepitoso, magari potessi allungare una mano e rendere reale il virtuale...sono troppo golosa???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Golosissima...! Ma come si fa a non esserlo cara??? Grazie tesoro, te ne manderei volentieri una fetta!
      Smack

      Elimina
  2. Anch'io anch'io!!! Lo adoro... ma non lo faccio mai, brutta esperienza... posso assaggiare il tuo? E' perfetto!!! Bacioni e buon lunedì!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma certo tesoro! Una fetta anche a te!! Come brutta esperienza?? Non é difficile! Prova la mia ricettina, ti sorprenderà...! e poi le more ci stanno proprio bene!! ;)
      Grazie per i complimenti cara!
      Ti abbraccio!
      Smack

      Elimina
  3. Mmmm..che delizia!!!! L'aggiunta delle more lo rende ancora più goloso!!!
    Deve essere buonissimo!!!
    Buona settimana! a presto..
    Bacio..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara! Felice di leggerti nel mio angolino di ricette! ;)
      Le more danno quella nota in più, hai ragione!
      A presto!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Tiramisù alla Marilyn Monroe: Mascarpone e lamponi

Partiamo dal più classico dei dolci, quello che piace a tutti e che non stanca mai. Aggiungiamoci un risvolto sexy, per accogliere il tema proposto per Novembre dalla vincitrice dell' Mtchallenge dello scorso mese: la mitica Susy. Cosa può uscirne se non una sfida all'ultimo ciack?
Non sono impazzita, ma semplicemente entusiasta della sfida che Susy ci ha proposto: un tiramisù abbinato a un film o icona sexy. Nel suo post ci illustra la sua ricetta consolidata, lasciando però spazio alla nostra fantasia. Ed infatti inizialmente mi sono spaventata, non trovando la ricetta che potesse calzare per questo tema.. 
Poi ho pensato a lei, alla grandiosa Marilyn Monroe.  Chi se non lei? La ricordiamo in "Quando la moglie va in vacanza" o in "A qualcuno piace caldo", storici e famosissimi film.
Cosa ho messo nel mio tiramisù ispirandomi a lei?  Il rosso del suo rossetto, sempre impeccabile e mai sbiadito. La perfezione dei suoi capelli e del suo viso, candido e mai volgare.
Per…

La mia Victoria Sponge Cake per il club del 27!

Qualcuno direbbe, ci sono cose che non si possono provare, per tutto il resto, c'é MtChallenge!

Sì, perchè alcune preparazioni o ricette, se non le propongono le menti diaboliche dell'MTC, tanti di noi non le sognerebbero nemmeno, vero??

Eppure ogni volta, scoprire nuovi dettagli e condividere nuove preparazioni è uno stimolo e una spinta a migliorarsi.
E così quando si è palesata l'idea di un club, con vari temi, di mese in mese, per sperimentare e cucinare insieme, non ho potuto dire di no!
L'idea è quella di proporre un ventaglio di ricette, tutte collegate da un filo conduttore, da modificare e reinterpretare, senza snaturare la ricetta originale.

Questo mese il tema è "Layer Cake" e io mi sono unita al gruppo con una Victoria Sponge Cake alle fragole.
Ho eseguito la ricetta originale, sostituendo la marmellata di lamponi con quella di fragole, pensando all'ottimo abbinamento panna e fragola!
Una ricetta più semplice del previsto, bellissima da vedersi e ott…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…