Passa ai contenuti principali

11 Dicembre: Pandolce genovese alto


Un grande classico del Natale Genovese è il Pandolce.
Alto o basso, questo dolce tipico si trova in realtà tutto l'anno nelle pasticcerie del capoluogo ligure, ma nel periodo natalizio la produzione aumenta notevolmente.
Anche a casa nostra. Nel mese di Dicembre infatti i forni delle Tritabiscotti restano accesi ore ore, per permettere a tutti i pandolci di essere cotti e sfornati.

Quest'anno ci siamo cimentate nella preparazione del Pandolce alto, con lievito madre, per proporre una variante al fratello basso.
Quest'ultimo è più friabile e biscottato, mentre quello che proponiamo oggi è meno dolce e più panoso.
Non esiste il migliore, sono semplicemente molto diversi, come di solito accade tra i fratelli.

La ricetta è antica, dell'Associazione Italiana Sommeliers, e risale ai tempi in cui mio papà ha frequentato il corso per ottenere l'attestato di sommelier, quando io e Marta ancora non esistevamo!

Ingredienti:
Primo impasto:
350 gr di pasta madre ben attiva
85 ml acqua ai fiori di arancio
500 gr farina
150 gr acqua
200 gr zucchero
Secondo impasto:
200 gr farina
50 gr marsala
150 gr burro
50 gr zucchero
200 gr uvetta
300 gr canditi
20 gr semi di finocchio
50 gr pinoli
50 gr pistacchi

Esecuzione:
Primo impasto (h.18.00):
Sciogliere la pasta madre con l'acqua.
Aggiungere metà della farina e lo zucchero. Aggiungere l'acqua ai fiori di arancio.
Impastare bene, aggiungere l'altra farina e il burro.
Inizialmente l'impasto sembrerà disomogeneo, ma piano piano questo diventerà sodo e compatto.
Lasciare lievitare, vicino al termosifone fino alla mattina dopo.
Secondo impasto (h.08.00)
Riprendere l'impasto, sgonfiarlo e aggiungere il marsala.
aggiungere metà farina, il burro e iniziare a impastare.
Aggiungere la restante farina e tutta la frutta secca e i canditi.
Fare incordare bene l'impasto, dopo di che lasciarlo lievitare un'ora al caldo.

Formare i pandolci dividendo l'impasto in 4 parti.
Lasciare lievitare 6 ore, dopo di che tagliare la sommità incidendo a croce o a tringolo e infornare a 190° per circa 40 minuti.
Se la cupola si dovesse colorare troppo coprire con un foglio di allunimio.
Sfornare e lasciare raffreddare su una griglia.





Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

La torta rose di mele per il Calendario del Cibo

La mia prima torta rose l'ho preparata molti anni fa, per festeggiare i primi 6 mesi con la dolce metà. Mi ero impegnata molto poichè sapevo che i dolci così, semplici ed essenzialmente "poco dolci", erano e sono tutt'ora i suoi preferiti. L'avevo preparata disponendo le roselline in uno stampo a cuore, un'amore di ragazza insomma...
Ma ancora non avevo tutta questa esperienza nella pasticceria e ne uscì.. Un mattone. Un vero e proprio mattoncino di pasta lievitata, ma nemmeno troppo lievitata...  E lui se l'era mangiata tutta, povero. 
Dopo quella volta ci sono stati molti tentativi e risultati sempre migliori.
La ricetta è semplice, ma va eseguita rispettando i tempi di lievitazione altrimenti ciò che ne uscirà sarà una pasta dura e poco soffice.
Per la Giornata Nazionale della Torta Rose propongo la mia versione di torta rose, data dall'unione di varie ricette e vari perfezionamenti, arricchita da delle fettine di mele, che nella cottura donano una umidità …

Cinghiale al latte e amicizie di "diversi" anni

Amicizie di diversi anni, o meglio di anni diversi. Nel senso che a volte non è l'età a creare affinità di amicizie, ma i pensieri comuni, il sentire in modo simile.
In questo modo posso definire la mia amicizia con Ivana e Dante. Questi signori sono i genitori di un mio caro amico, Domenico, e abitano sull'appennino Tosco-emiliano.  Non li vedo spesso, ma ogni volta è un piacere trascorrere tempo con loro. Quando riusciamo a ritagliarci qualche giorno, il pensiero è subito a loro e alla volontà di andarli a trovare.
Credo che Ivana sia molto simile a mia nonna Maria, tra le due nonne quella che non ho mai conosciuto, tenace, tosta e caparbia. Con lei condivido gli stessi pensieri, lo stesso amore per la famiglia e per le tradizioni. E' a lei che devo molte ricette della tradizione emiliana, mia origine da parte paterna.
Dante invece è il tipico capo famiglia: autoritario, diretto, ma nel profondo con un grande cuore. Di Dante amo la schiettezza dello sguardo, quello che ti fa capi…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…