Passa ai contenuti principali

24 Dicembre: Panettone gastronomico


Ed ecco, come ultima ricetta, il più classico degli antipasti.
Questo andrà regalato e mangiato, oppure si può confezionare solo lui, lasciando agli amici il compito di farcire il vostro Panettone gastronomico.

Io ho optato per: 
Gorgonzola e noci
Prosciutto maionese e formaggio
Mortadella e cetriolini
Salame maionese e formaggio
Patè di olive
Speck e brie

La cosa più importante è il panettone: non deve essere asciutto, ma nemmeno troppo molle per sostenere la farcitura.
Io seguo quella delle sorelle Simili, ma facendo un unico solo impasto

Ingredienti:
200 gr farina tipo manitoba
500 gr farina 00 
380 gr di latte
1 cucchiaino di sale (circa 7 gr)
50 gr di burro
12 gr di lievito di birra fresco
40 gr di zucchero 
1 uovo per la lucidatura finale


Esecuzione:
Disporre in una ciotola la farina a fontana, aggiungere il lievito, il latte tiepido, lo zucchero e il burro a cubetti.
Iniziare a impastare e quando l'impasto si fa omogeneo, aggiungere il sale, facendolo assorbire.
Coprire e lasciare lievitare fino al raddoppio.
Trascorso questo tempo sgonfiare l'impasto e dividerlo in due parti, formando due palline di uguali dimensioni.
Inserire negli appositi stampi e lasciare lievitare fino a che l'impasto non è giunto al bordo.
Spennellare la sommità di ciascun panettone con l'uovo sbattuto e infornare a 200° gradi per una mezz'oretta, verificando la cottura con uno stecchino lungo.




Con questa ricetta vi auguriamo un sereno e felice Natale, sperando che questi giorni siano pieni di sorrisi e abbracci.
Le Tritabiscotti.

Commenti

  1. Per l'ultimo dell'anno ho preparato anch'io un panettone gastronomico ma il vostro è spazialeeeee!! Bravissime ragazze, ne approfitto x farvi i miei più sinceri auguri di un felice 2018 <3

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Sacripantina: dolce tipico della mia Genova

La sacripantina é un dolce tipico della mia città. Fino a pochi giorni fa ne conoscevo solo il nome, citato spesso come uno dei dolci più buoni della pasticceria genovese.
L'altro pomeriggio però mia sorella mi lancia la sfida: "La vorrei fare per portarla al lavoro.."  Parlare di fare un dolce a me é sfondare una porta non aperta, ma spalancata.. E così é iniziata l'avventura :)
Questo dolce sembra dovere il suo nome al re Sacripante invaghitosi della bella Angelica (tutti conosciamo la storia raccontata nell'‘Orlando Furioso’).(Fonte Torta Sacripantina)
La ricetta più famosa é di una nota pasticceria, ma io ho cercato di riprodurla prendendo ispirazione da questo blog. Ho poi utilizzato una tecnica un po' più veloce per la pan di spagna e modificato la bagna con "puro" marsala. E' un dolce molto liquoroso, di quelli che adora mia sorella, amante dei bigné allo zabaione e della loro alcolica crema.
Ed é il dolce delle feste della mia bellissima Genova …

Finale Rice Food Blogger Giuseppina Carboni e il nostro risotto "Primavera in cortile"

Ieri ci siamo riviste. E' stata un'emozione arrivare seconde alla Finale del Rice Food Blogger Organizzato da Luca Puzzuoli in onore dell'amica Giuseppina Carboni. E più che una gara per noi è stato un momento di condivisione. Di bei momenti tra vecchi e nuovi amici. Tutti con una passione comune:la cucina.
L'evento si è svolto nel magnifico Relais Borgo San Faustino, ad Orvieto. In mezzo alla campagna umbra io, Marta, Ilaria, Angela, Sara ed Alessia, ci siamo sfidate a colpi di mestoli e pentole per aggiudicarci il titolo del Miglior Risotto.
Gli ingredienti? Tutti differenti, e a noi ignoti fino all'ultimo, scelti accuratamente dallo chef Gregory.
A giudicare il nostro piatto? Otto giudici con la G maiuscola: Cristiana Curri Vincitrice del Contest Rice Food Blogger “Chef Giuseppina Carboni” 2016 Gregori Nalon Chef di Alice Tv Franca Rizzi conduttrice di Casa Alice
Silvia Baracchi Chef Stella Michelin del Relais & Chateaux Il Falconiere di Cortona
Anna Maria Pellegrino…

Risotto ai germogli di rovo

Adoro scoprire le ricette di una volta, quelle che facevano le nonne delle nostre nonne, cogliendo nei prati e nei boschi le erbe "antiche", assieme alle quali creavano piatti favolosi.
La cucina degli ingredienti dimenticati; la cucina che purtroppo va sempre più perdendosi, perché tanti, me compresa, alcune piante commestibili non le conoscono e non le sanno riconoscere, perse tra altre mille varietà.
L'esperto delle erbe di campo é mio cognato, nipote di una fantastica cuoca emiliana, il quale ha fatto conoscere aspetti di una cucina ormai sconosciuta a me e mia sorella.. Questo é il periodo in cui si andava nelle "fasce", i nostri terrazzamenti genovesi, o nelle alture dietro al mare, a cogliere ciò che la terra spontaneamente offriva. 
E noi abbiamo rispolverato questa tradizione; questo per noi é il periodo in cui si vanno a riempire i cesti di ortiche, tarassaco e altre erbe spontanee, per trasformarle in piatti appetitosi e succulenti.
L'idea per questa r…